Home TemiArte mitologica La Venere Verticordia

La Venere Verticordia

by Ecate
230 views

Oggi ti parlo della Venere Verticordia di Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) pittore Pre-Rafaelita inglese. Il movimento Pre-Raffaellita rifiutava i dogmi accademici del rinascimento ed eleggeva a suoi modelli prediletti i pittori precedenti a Raffaello.

Venere Verticordia di Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) pittore Pre-Rafaelita inglese

Questa Venere, ritratta nel mezzo di un roseto rigoglioso, tiene nella mano sinistra la mela d’oro e nella destra una freccia dorata di cupido.

Rossetti vi lavorò tra il 1864 e il 1868. Non conosciamo la modella che ha prestato il suo corpo alla Venere, forse una cuoca incontrata per strada. Il volto idella donna è quello di Alexa Wilding, una delle modelle predilette dal pittore.

Una forte carica passionale

La Venere Verticordia è un dipinto carico di simbolismo sensuale: unico nudo fra i principali dipinti di Rossetti, gioca tra il sacro e il profano sfruttando anche il linguaggio dei fiori, molto caro alla società vittoriana del tempo.

Le rose e i caprifogli che circondano la Venere rimandano infatti ai genitali femminili e alla passione sessuale. Del desiderio sessuale è simbolo anche la freccia di Cupido fra le mani della Dea.

Ma la rosa è anche simbolo di purezza, e tramite questo attributo associata alla Vergine Maria.

Osserviamo inoltre che Venere ha i capelli rossi. Nel Medioevo, periodo di forte ispirazione per i pre-raffaelliti, i capelli rossi erano sinonimo di desiderio sessuale e di degenerazione morale, nonché segno di stregoneria. Eppure, Rossetti circonda la sua Venere anche di un’aureola dorata, ovvio rimando alla santità.

La mela, infine, è un chiaro ricordo della sfida di Bellezza vinta da Afrodite per giudizio di Paride, che avrebbe poi scatenato la guerra di Troia, e al tempo stesso può richiamare la mela che tentò Eva nel libro della Genesi.

Il nome Venere Verticordia stesso rimanda alla capacità di Venere di mutare i cuori delle persone. Mutazione sottolineata anche dalla presenza delle farfalle, simbolo per eccellenza della trasformazione.

Opera conservata al Russell-Cotes Art Gallery and Museum.

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche: Come riconoscere Atena, Dioniso e Afrodite nelle opere d’arte

Potrebbe interessarti anche