Home SerieA colpo d'occhio A colpo d’occhio: riconoscere Persefone nelle opere d’arte

A colpo d’occhio: riconoscere Persefone nelle opere d’arte

by Ecate
1336 views

Oggi ti parlerò dell’iconografia e di come potrai riconoscere a colpo d’occhio Persefone, signora degli Inferi.

Come riconoscere Persefone

Nelle opere di età greca, Persefone (Proserpina per i romani) è raffigurata come la versione giovane di Demetra.

Il suo stile tipico comprende vesti leggere, capelli raccolti a nodo sulla nuca, capo non velato.

Comuni alle due Dee sono la fiaccola e lo scettro: non bisogna dimenticare, dopotutto, che Persefone è si figlia di Demetra ma anche , in qualche modo, la sua personificazione più giovane.

Persefone rappresentata da Dante Gabriel Rossetti
Persefone rappresentata da Dante Gabriel Rossetti

Tra i simboli più noti di Persefone c’è il melograno, frutto la cui simbologia rimanda all’abbondanza del terreno, ma anche al sangue: è con un melograno che Ade inganna Persefone, legandola all’oltretomba per sei mesi l’anno.

Un altro simbolo di Persefone è il papavero, un fiore con chiari rimandi iconografici al sonno e alla morte.

In quali scene potremmo trovare Persefone

Il mito più famoso di Persefone è quello del suo rapimento da parte di Ade, che la sottrasse alla madre Demetra scatenando con il suo dolore l’infertilità dei campi delle stagioni invernali.

Il signore dell’oltretomba restituì Persefone solo dopo averla convinta a nutrirsi di sei chicchi di melograno cresciuto nell’Ade.

In questo modo, Persefone sarebbe stata obbligata a fare ritorno a lui per altrettanti mesi l’anno.

Ratto di Proserpina, Hans von Aachen, 1589. Conservato al Brukenthal National Museum.
Ratto di Proserpina, Hans von Aachen, 1589. Conservato al Brukenthal National Museum.

Così, quando Persefone è presso la madre la natura gioisce e cresce rigogliosa. Quando invece trascorre il suo periodo nell’oltretomba, i terreni sono brulli e incoltivabili.

Questa leggenda è all’origine delle stagioni ed è molto rappresentata: della scena in cui Ade emerge dal terreno e afferra la giovane Persefone per condurla nell’oltretomba, ti ho già parlato qui.

Il ritorno di Persefone
Il ritorno di Persefone (dettaglio), Frederic Leighton, 1891, Leeds Art Gallery, Leeds (UK)

Ci sono però anche moltissime opere che raffigurano la giovane figlia nel momento in cui fa nuovamente ritorno presso la madre Demetra: spesso gli artisti le illustrano in procinto di abbracciarsi.

Rarissime sono le altre scene mitiche a raffigurare la regina dei morti, ma talvolta Persefone è raffigurata in trono, quale regina dell’oltretomba, a fianco del marito Ade.

Orfeo agli inferi supplica Ade di ridargli Euridice, in un altro famoso mito legato al Dio dipinto da Joseph Ferdinand Lancrenon nel 1810. Opera custodita al Musée de Montargis
Orfeo agli inferi supplica Ade di ridargli Euridice, in un altro famoso mito legato al Dio dipinto da Joseph Ferdinand Lancrenon nel 1810. Opera custodita al Musée de Montargis

Se vuoi imparare a riconoscere altri Dei, torna indietro all’articolo sull’iconografia per trovare l’indice.

Potrebbe interessarti anche